Sclerosi Multipla e Sindrome Cavale Superiore

E’ nozione comune in Medicina che i restringimenti o la chiusura delle vene causa una progressiva compromissione dell’organo colpito.
Poco è conosciuto sulle alterazioni anatomiche e funzionali che le stenosi/trombosi del sistema venoso cerebrale e midollare determinano a carico del cervello e del midollo spinale.
Noi abbiamo dimostrato che nella Sindrome Cavale Superiore (=trombosi della vena cava superiore e dei suoi affluenti) il sangue inverte la sua direzione verso il cuore passando invece per la via venosa cerebrale. Quindi anche nel cervello c’è un flusso venoso invertito che danneggia il cervello perché il sangue trasporta i “rifiuti” dei tessuti periferici ivi compresi i batteri se questi sono infetti.
Dobbiamo sottolineare che molti dei pazienti con stenosi delle vene giugulari, tributarie delle vene cave, hanno associata la sclerosi multipla (o la sclerosi multipla è associata alla sindrome cavale superiore?).
Molti autori hanno ipotizzato che la sclerosi multipla sia proprio causata dalla stenosi (trombosi) delle vene giugulari. Come per le stenosi venose di altri organi il trattamento si basa sulla rimozione della stenosi (trombosi) mediante angioplastica o plastica di allargamento con “patch” di vena safena. L’angioplastica delle vene giugulari si è dimostrata inefficace per elevata percentuale di ristenosi (nuova occlusione).
Noi, grazie alla tecnica microchirurgica abbiamo eliminato la causa principale della loro chiusura, rappresentata dalla trombosi lungo la cucitura.
Con questa tecnica abbiamo operato più di un centinaio di pazienti e la percentuale di pervietà è risultata del 96%.
Tutti i pazienti operati hanno presentato un netto miglioramento della sintomatologia legata alla sclerosi multipla.


Richiedi maggiori informazioni / Prenota una visita

 

tel. (+39) 0187.471377

cell. (+39) 347.9475334 (Prof. G.Azzolina)

cell. (+39) 348.7692155 (Prof. A.Pasquè)

e-mail info@azzolina.it